Pope Francis

La giustizia del papa e il diritto internazionale: è tempo di cambiare

Nelle vicende giudiziarie legate al processo Becciu, è entrato a gamba tesa il promotore di giustizia, Alessandro Diddi con argomentazioni sorprendenti. Il Vaticano sottoponga la propria amministrazione giudiziaria al controllo di legalità delle corti internazionali. Garantisca agli imputati ciò che le democrazie concedono a tutti i cittadini. Ne guadagneranno la credibilità del sistema e la causa dei diritti. Le vicende giudiziarie legate al processo Becciu sono tornate all’attenzione della stampa internazionale. Si attende per la fine del mese il deposito delle motivazioni della sentenza che il 16 dicembre dello scorso anno ha condannato il cardinale ed altri 6 imputati per vari reati di peculato, truffa, riciclaggio ed estorsione: quasi mille pagine, frutto di 6 mesi di elaborazioni del Tribunale a fronte dei quali il codice vaticano concede ristrettissimi margini di tempo ai difensori per presentare appello.