Il sindaco di Varsavia vieta le croci, anche sulle scrivanie

(Wlodzimierz Redzioch. la Nuova Bussola Quotidiana).

Il sindaco pro-Lgbt Rafal Trzaskowski ha ordinato la rimozione di croci, immagini di santi e altri simboli religiosi, non solo dai muri, ma anche dalle scrivanie dei dipendenti degli uffici di Varsavia. Un ordine che ricorda la dittatura comunista, contrario alla Costituzione.

Rafal Trzaskowski è un politico di spicco del partito Piattaforma Civica (PO) del primo ministro Donald Tusk. È sindaco della capitale polacca ed è stato candidato alla presidenza della Repubblica nelle recenti elezioni presidenziali (è stato sconfitto dall’attuale presidente Andrzej Duda). 

Continue reading…